top of page
Cerca
  • Immagine del redattorePDABBIATEGRASSO PDABBIATEGRASSO

Comunicato stampa delle opposizioni sul raddoppio ferroviario

Giovedì 8 febbraio è andato in scena un siparietto sconsolante. Il Sindaco in conferenza stampa ha tenuto a ribadire la sua “ferma volontà” in merito alla realizzazione del raddoppio, ma rispetto a quest’opera a noi pare che tutto sia fermo e non rintracciamo grande volontà di agire seriamente da parte degli attori

coinvolti.


I fondi del PNRR sembrano ormai destinati ad essere persi. In questi mesi si è passati dai 120 milioni preventivati ai 280 previsti dal progetto definitivo, con un aumento di 160 milioni. Come dichiara anche RFI, l’aumento non è dovuto solo all’aumento del costo dei materiali ma deriva anche dalla necessità di interventi infrastrutturali più complessi e costosi. Considerata l'enorme differenza tra l'importo iniziale di finanziamento e i costi del progetto definitivo ci chiediamo come sia stato possibile sottostimare così tanto questi ultimi in fase di programmazione, sempre che una reale programmazione sia stata fatta. E questo è solo uno degli aspetti che coinvolge sicuramente Regione Lombardia e RFI e che il Sindaco e

l'Assessore Albetti non hanno evidentemente mai attenzionato più di tanto dando una dimostrazione quantomeno di leggerezza.


Alle prime avvisaglie dell'aumento di costi Sindaco, Assessore e Lega si sono affrettati ad andare dal Ministro Salvini, dando vita a quello che continua a sembrare sempre uno spottone. Era la metà di ottobre e alla richiesta di stanziare maggiori fondi non ci risulta sia pervenuta alcuna risposta. Anzi la risposta è stata che i 120 milioni sono stati dirottati altrove. A fronte della nuova situazione, come mai non è stata chiesta seriamente una rimodulazione del finanziamento PNRR come è avvenuto per tanti progetti in Italia?

Perché Regione Lombardia non ha preso in considerazione la possibilità di intervenire direttamente sostenendo gli extracosti?


Cogliamo l'occasione per ribadire al Sindaco e all'Assessore Albetti, che come opposizione abbiamo sempre chiesto un continuo coinvolgimento dei gruppi consiliari e dei cittadini e offerto la nostra collaborazione. A parte qualche commissione in cui ci è stato dato il contentino di ascoltare delle proposte serie mandate, senza un reale sostegno, a RFI non siamo mai stati davvero coinvolti e, anzi, nei mesi passati siamo spesso stati dipinti come quelli che non volevano il raddoppio ferroviario e che facevano di tutto per rallentare la predisposizione dei progetti. Non è così e non lo è mai stato.


Consigliamo al Sindaco di dedicare il suo tempo alle interlocuzioni necessarie al fine di reperire i fondi perché quest’opera strategica per la città venga realizzata utilizzando le soluzioni migliori per mantenerla unità dal punto di vista della mobilità e della socialità.


Ribadiamo, ancora oggi, la nostra disponibilità a collaborare: se Sindaco e Assessore sono veramente disponibili convochino un tavolo con i rappresentanti locali e della Regione per trovare una soluzione. Questo è quello che dovrebbero fare, il resto è demagogia.



Partito Democratico Abbiategrasso

Lista La Città

Ricominciamo Insieme

Giovani per Abbiategrasso

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SOLIDARIETA' A MANISERA E AGNELLI

Desideriamo esprimere con fermezza e chiarezza la nostra posizione riguardo ai recenti sviluppi avvenuti nel nostro comune. Come Partito Democratico, siamo impegnati nella lotta contro la criminalità

SOS ALER: RIDIAMO DIGNITÁ AI NOSTRI CONCITTADINI

É passato qualche giorno dal nostro sopralluogo in tutti i palazzi di proprietà di ALER. La situazione di degrado e abbandono di questi palazzi è evidente a tutti: per questo siamo andati di persona a

ABBIATENSI, A VOI STA BENE?

Il servizio di Report sulla “mafia a tre teste”, il sodalizio criminale tra camorra, cosa nostra e ndrangheta, ipotizzato dalla Procura, conferma quello che abbiamo detto per mesi. Nel servizio andato

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page